me_gustas_tú RSS

aitanblog

archivio

18 4
2014
Ven
permalink
Oggi mi è parso di vedere mio padre sulla sua Vespa 150. Mi sono meravigliato perché non si è fermato a salutarmi. Poi mi sono ricordato che mio padre è morto 15 anni fa. E mi sono meravigliato ancora di più.
permalink
17 4
2014
Gio
permalink

RAPSODEUS (HD) 2013 - Bruno Bozzetto

(by BrunoBozzettoChannel)

Is there a meaning to the thousands of wars fought by mankind?

Esiste un senso nelle migliaia di guerre combattute dall’umanità?

Played over the second Hungarian Rhapsody by Franz Liszt, simulated with a virtual orchestra by Roberto Frattini, “Rapsodeus” shows the nonsense that lays behind every war fought by mankind.

Directed by Bruno Bozzetto. Animated by Studio Alienatio.

permalink
Los libros son máquinas para navegar, volar y moverse alrededor de los caminos de nuestra cabeza con el culo siempre sentado en la misma silla.
permalink
Francisco Javier Olea, Oleísmo - 844)

Francisco Javier Olea, Oleísmo - 844)

permalink
Los libros son gafas que hacen ver a los ciegos y oír a los sordos.
permalink

Roland Kirk “Volunteered Slavery” (1969)

(by negrosounds)

La sentite la citazione beatlesiana dal minuto 3:25?

13 4
2014
Dom
permalink
Se la sinistra che non cambia è di destra, la sinistra che cambia in direzione opposta ai suoi principi, è destra estrema.
11 4
2014
Ven
permalink

(Fonte: 9gag, via revolucionado)

permalink
La parabola di Dell’Utri, tra politica, mafia, berlusconi e libri antichi (per lo più trafugati) sembra uscita dalla penna di Vázquez Montalbán. Immagino ora l’investigatore Pepe Carvalho sulle sue tracce. E nel finale il suo corpo potrebbe essere ritrovato in un’isola dei Mari del Sud, ormai già morto, ammazzato da chi temeva che avrebbe potuto dire troppo.
permalink
Da Librarsi con piccole ali e volare lontano - Un post sull’amore per la lettura della mia bambina che ha due anni e ancora non sa leggere…

Da Librarsi con piccole ali e volare lontano - Un post sull’amore per la lettura della mia bambina che ha due anni e ancora non sa leggere…

permalink
il selfie sta all’autoscatto
come i leggins ai fuseax.
se e’ più trendy non lo so,
forse e’ solo meno piatto.
brutta eri e brutta rimani:
in quella foto stai da cani.
— Dal Faccialibro di Lucia Tosi

(Fonte: facebook.com)

7 4
2014
Lun
permalink
Anch’io partecipo agli #InstagramersAwards #IGA14 (ma non voglio mica essere una superstar; questa è un’immagine che viene prodotta direttamente iscrivendosi al concorso.)

Se vuoi, nominami con @aitanblog per la categoria Blogger su http://IgersAwards.com

Anch’io partecipo agli #InstagramersAwards #IGA14 (ma non voglio mica essere una superstar; questa è un’immagine che viene prodotta direttamente iscrivendosi al concorso.)

Se vuoi, nominami con @aitanblog per la categoria Blogger su http://IgersAwards.com

permalink
Urna Bios de Martín Azúa

L’Urna Bios è un progetto del designer spagnolo Martín Azúa che reintegra l’uomo nel ciclo della  vita naturale, è un rituale laico di rigenerazione e ritorno alla natura. Bios è un’urna funeraria fabbricata con materiali biodegradabli: guscio di noce di cocco, torba compattata y cellulosa. Al suo interno contiene un seme di un albero che si può sostituire con qualunque altro tipo di seme, germoglio o pianta adatto al luogo scelto. Quando l’urna viene piantata, il seme germoglia e comincia a crescere.

————

La Urna Bios es un proyecto que reintegra al hombre en el ciclo de vida natural, es un ritual laico de regeneración y vuelta a la naturaleza. Bios es una urna funeraria fabricada con materiales biodegradables: cáscara de coco, turba compactada y celulosa. En su interior contiene una semilla de un árbol que se puede sustituir por otra semilla, brote o planta adecuada al lugar elegido. Cuando la urna se planta, la semilla germina y comienza a crecer

————

The Bios Urn project reintroduces the human being to the natural circle of life. It is the profane ritual of regeneration and the return to nature. Bios is a mortuary urn made from biodegradable materials: coconut shell, compacted peat and cellulose. Inside it contains the seed of a tree. Once the urn is planted, the seed germinates and begins to grow. The seed can be changed for a different type of seed or plant more adequate to the chosen planting place, if need be.

Urna Bios de Martín Azúa

L’Urna Bios è un progetto del designer spagnolo Martín Azúa che reintegra l’uomo nel ciclo della vita naturale, è un rituale laico di rigenerazione e ritorno alla natura. Bios è un’urna funeraria fabbricata con materiali biodegradabli: guscio di noce di cocco, torba compattata y cellulosa. Al suo interno contiene un seme di un albero che si può sostituire con qualunque altro tipo di seme, germoglio o pianta adatto al luogo scelto. Quando l’urna viene piantata, il seme germoglia e comincia a crescere.

————

La Urna Bios es un proyecto que reintegra al hombre en el ciclo de vida natural, es un ritual laico de regeneración y vuelta a la naturaleza. Bios es una urna funeraria fabricada con materiales biodegradables: cáscara de coco, turba compactada y celulosa. En su interior contiene una semilla de un árbol que se puede sustituir por otra semilla, brote o planta adecuada al lugar elegido. Cuando la urna se planta, la semilla germina y comienza a crecer

————

The Bios Urn project reintroduces the human being to the natural circle of life. It is the profane ritual of regeneration and the return to nature. Bios is a mortuary urn made from biodegradable materials: coconut shell, compacted peat and cellulose. Inside it contains the seed of a tree. Once the urn is planted, the seed germinates and begins to grow. The seed can be changed for a different type of seed or plant more adequate to the chosen planting place, if need be.

6 4
2014
Dom
permalink